Biblioteca

La biblioteca di Luigi Squarzina (Livorno, 18 febbraio 1922 – Roma, 8 ottobre 2010) comprende cinquemila volumi che il Maestro ha raccolto nel corso di quasi settant’anni di vita artistica. Tra i testi in essa contenuti si ricorda l’ampia bibliografia di e su Shakespeare e sul teatro elisabettiano, insieme a numerosi testi sul teatro d’avanguardia novecentesco, in particolare russo e tedesco, comprendenti molte rare pubblicazioni del periodo della DDR e testi su e di Bertolt Brecht. Numerose sono le rarità bibliografiche, tra cui l’edizione francese in sedici volumi delle opere di Henrik Ibsen tradotte da P.G. La Chesnais nel 1914, qui nell’edizione degli anni Trenta, o la preziosa collezione delle opere di Georges Feydeau, oltre a prime o rare edizioni degli scritti dei maestri della regia: Edward Gordon Craig, Stanislavskij, Adolphe Appia, Antonin Artaud, Alfred Jarry. Sono presenti, inoltre, molti volumi dedicati alla drammaturgia minore italiana del primo Novecento, agli autori italiani contemporanei dal primo dopoguerra a oggi e al teatro americano maggiore e minore, come Miller, i due O’Neil, Kingsley, Gibson, Thompson.

Consulta la pagina dedicata alla biblioteca sul sito della Fondazione Giorgio Cini.